Notizie dal mondo

Le notizie della settimana scelte da Impactscool – 18 giugno 2018

18 giugno 2018 | Scritto da La redazione

Le notizie più importanti sulla tecnologia e il futuro, scelte e selezionate dal web per i lettori di Impactscool

 

 

Il codice etico di Google

L’intelligenza artificiale di Google non sarà utilizzata per le armi. La presa di posizione etica della società arriva a una settimana dalla scelta di non rinnovare il rapporto con il Pentagono, che prevedeva lo sviluppo e l’utilizzo di un’IA per identificare i soggetti presenti nei video girati dai droni. Google, nel comunicare la decisione, ha anche elencato alcuni principi etici che guideranno il lavoro dell’azienda nei processi di ricerca e sviluppo di questa tecnologia. Le applicazioni dell’intelligenza artificiale di Google dovranno rispettare elevati standard di eccellenza scientifica, essere socialmente utili, responsabili verso le persone e in linea con i principi per la privacy, dovranno evitare il rafforzamento di pregiudizi ed essere costruiti e testati per la sicurezza. Infine, Google si impegnerà a vigilare sull’utilizzo che verrà fatto dei sistemi di IA perché, come si usa dire, le tecnologie non possono essere “cattive”, ma chi le utilizza sì.

 

In arrivo i droni poliziotti?

Axon, azienda americana specializzata nella produzione di pistole teaser, ha annunciato che sta lavorando alla realizzazione di droni di sorveglianza, con l’obiettivo di venderli ai dipartimenti di polizia statunitensi.  Grazie alla collaborazione con l’azienda cinese di produzione di droni DJI, attraverso un programma denominato “Axon Air”, Axon ha intenzione di collegare i nuovi dispositivi a Evidence.com, cloud di gestione dei dati di proprietà dall’azienda stessa. L’idea è quella di proporre alla polizia americana un “unico pacchetto”, che offra allo stesso tempo strumenti tecnologici, gestione dei dati e supporto. Ma la polizia adotterà questo nuovo sistema? La questione sembra controversa: se, da un lato, i droni sono economici, automatizzati e ampliano in modo massiccio le capacità di sorveglianza della polizia, dall’altra potrebbero violare numerosi aspetti legati alla privacy dei cittadini.

 

Tesla e la corsa alla guida autonoma

Le funzionalità di guida autonoma sulla Tesla saranno complete già con l’aggiornamento di agosto. È quanto ha dichiarato il CEO dell’azienda Elon Musk in un tweet, scritto in risposta a un utente che si “lamentava” delle prestazioni non stellari dell’attuale sistema di pilota automatico. Stando a quanto pubblicato da Musk, infatti, con la versione 9 del software, che sarà rilasciata ad agosto, non solo saranno risolti gli attuali problemi, ma saranno rese disponibili alcune funzionalità avanzate, in grado di rendere la guida “davvero autonoma”. Ciò significa che già ad agosto potremo andare in vacanza stando comodamente seduti sulle nostre vetture, senza preoccuparci della strada? Assolutamente no. Quello annunciato dal CEO di Tesla è solo un passo ulteriore verso veicoli completamente autonomi, che supera il livello di “guida assistita” diffuso fino a questo momento. Prima della rivoluzione epocale delle macchine che si guidano da sole, infatti, non sarà sufficiente completare lo sviluppo tecnologico ma sarà necessario discutere e normare molti altri aspetti, a partire da quelli etici e giuridici.

La redazione
La redazione

leggi tutto