Notizie dal mondo

Notizie dal futuro e dintorni – 30 marzo

30 marzo 2020 | Scritto da La redazione

Nascondere la CO2 degli USA nel suolo

L’impronta umana sull’ambiente non si esaurisce nell’atmosfera, ma lascia un segno pesante anche nel suolo. Se riuscissimo a ripristinare e salvaguardare il terreno potremmo riuscire ad assorbire più di 5 miliardi di tonnellate all’anno, all’incirca quanta ne emettono nello stesso tempo gli Stati Uniti. Una ricerca pubblicata su Nature Sustainability ha rivelato che se riuscissimo a gestire correttamente il suolo potrebbe contribuire a un quarto dell’assorbimento della CO2 che avviene sulla terra ferma. La buona notizia è che per permettere questo processo l’unica cosa che bisogna fare è lasciare il terreno così com’è, in questo modo circa 40% di questa capacità avverrebbe in maniera naturale. La cattiva notizia è che per sfamare una popolazione in crescita che spreca un terzo del cibo che produce sono necessari sempre più terreni per l’agricoltura (per produrre cibo per l’uomo e per gli animali da allevamento). Saremo in grado di rispondere adeguatamente a questa sfida?

 

Il riconoscimento vocale fa il doppio degli errori quando ascolta gli afroamericani

Secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori della Stanford Engineering, la tecnologia dietro i principali sistemi di riconoscimento vocale automatico negli USA fa il doppio degli errori nell’interpretazione delle parole pronunciate dagli afroamericani rispetto all’interpretazione delle stesse parole pronunciate dai bianchi. Il sistema sfrutta l’intelligenza artificiale che viene addestrata tramite database, se questi contengono dati parziali, quindi, in questo caso, con poche parole pronunciate da persone di colore, l’IA soffrirà di questi problemi. Con la diffusione sempre più capillare di questa tecnologia, usata per la gestione di sistemi bancari, per la ricerca di un lavoro o per la trascrizione dei processi legali, un sistema fallato potrebbe portare a serie conseguenze nella vita delle persone appartenenti a minoranze etniche o non madrelingua.

 

La traduzione in tempo reale è sempre più efficiente

Google ha annunciato una nuova funzionalità di trascrizione in tempo reale per la sua app Translate per telefoni Android. La funzione consentirà agli utenti di ottenere traduzioni istantanee di discorsi, lezioni o monologhi in diretta in una di – per ora -otto lingue, incluso l’inglese. Fino a oggi, Translate consentiva la conversione solo di frammenti di discorso relativamente brevi. La funzione non è ancora disponibile per l’italiano ma non dovrebbe volerci molto per l’implementazione della nostra lingua.

 

I droni diventano più agili

I droni sono sempre più diffusi e non solo per usi ricreativi. Per ogni drone che viene usato per fare video o acrobazie, ce ne sono altrettanti che vengono usati dalle forze dell’ordine, dai pompieri, per svolgere operazioni di monitoraggio e tanto altro. Nonostante le performance sempre migliori c’è una cosa che questi dispositivi non sono in grado di fare al meglio, evitare ostacoli. Un gruppo di ricerca dell’Università di Zurigo ha sviluppato una telecamera in grado di gestire le immagini in maniera intelligente per capire quando un oggetto lanciato verso un drone (o verso cui il drone sta andando) ha una traiettoria che porterebbe a una collisione, ordinando al computer di bordo spostarsi. La telecamera di bordo registra solo i pixel in movimento, in questo modo il carico di dati è inferiore e il processore è in grado di rilevare la minaccia in soli 3.5 millisecondi contro i 40 necessari normalmente, alle volte non sufficienti per evitare l’impatto.

La redazione
La redazione

leggi tutto