Scienza e Medicina

Il gene-editing CRISPR-Cas9 potrebbe non funzionare per tutti

12 gennaio 2018 | Scritto da La redazione

Gli scienziati hanno condotto ricerche sugli anticorpi nel sangue di 22 neonati e 12 adulti riguardo i due tipi più importanti di Cas9, la proteina di taglio che funge da strumento di modifica genetica. Sono state trovate molecole protettive in oltre il 65 percento delle persone che sono state esaminate. Ci sono grandi aspettative per le cure di terapia genica basate su CRISPR ma se alcune persone sono immuni a questo trattamento i risultati potrebbero non essere quelli sperati. Le risposte immunitarie infatti possono ostacolare l’uso sicuro ed efficace di CRISPR per il trattamento della malattia e possono anche portare a tossicità significativa per i pazienti.

Approfondisci questa notizia

La redazione
La redazione

leggi tutto