20 minuti dal futuro

Il valore delle idee

31 luglio 2020 | Scritto da La redazione

Candidarsi per un posto di lavoro con un progetto. L’idea alla base di Just Knock, l’azienda fondata da Marianna Poletti che ci racconta i retroscena in una puntata di 20 minuti dal futuro

Il mercato del lavoro sta cambiando, sempre più a essere richieste dalle aziende non sono solo le competenze tecniche ma anche le cosiddette softskills, capacità come il problem solving, l’empatia, la capacità di lavorare in team. Ma non è semplicissimo valutare queste capacità da un curriculum. Lo stesso dubbio ha portato Marianna Poletti a fondare Just Knock, azienda che si occupa di mettere in contatto aziende e candidati con un approccio tanto particolare quanto innovativo.

 

Basta bussare. Just Knock, l’azienda di Poletti è fondatrice e CEO, nasce da una necessità profonda, mettere le vere capacità di una persona al centro della sua ricerca di un impiego. Ma com’è nata questa idea? “Just Knock è un portale per la ricerca del lavoro molto particolare – racconta Poletti – Quando ho finito di studiare mi sono messa a cercare lavoro inviando curriculum, ma quando lo guardavo mi rendevo conto di come fosse simile a quello di tanti ragazzi che hanno fatto un percorso simile al mio. Quindi mi sono chiesta come fanno le aziende a capire io chi sono e quanto valgo? Ho sempre trovato il CV un documento molto asettico. Ho detto proviamo a trovare un modo diverso di connettere i giovani con le aziende. Ecco che nasce just knock, una porta virtuale sul mondo del lavoro. Trasformiamo gli annunci di lavoro in simulazioni di ruolo, al posto che dire, invia il CV, gli diciamo, se fossi nel ruolo che stiamo cercando e ti trovassi a risolvere un’attività tipica del ruolo tu come ti comporteresti? Quindi ci si candida inviando un progetto al posto del curriculum.

Un percorso non semplice. Portare in vita Just Knock è stata “una bella scalata, – spiega l’imprenditrice – sicuramente la passione mi ha permesso di portarlo avanti. Avevo appena finito di studiare un percorso in marketing e comunicazione, avevo quest’idea e ho iniziato a chiedere in giro come muovermi nel mondo dell’economia e della gestione di un’azienda. Dopo il primo anno è nato il progetto, la prima versione beta poco carina ma funzionale”.

 

La reazione delle aziende. “Inizialmente di porte in faccia ne ho prese parecchie, – dice Marianna Poletti raccontando i primi passi della sua impresa – le aziende sono sempre state abituate a selezionare le persone in base al cv. Io ero giovane, appena laureata, andavo lì, dicevo, ascoltate la mia idea, vi propongo di valutare un candidato non da CV da un progetto.  È stato molto difficile, poi ci sono state le prime realtà a cui l’idea è piaciuta e si sono buttate e poi da lì diventa più semplice, adesso il mercato è molto più pronto. Oggi abbiamo più di 70 azienda che usano i nostri servizi.

 

Guarda il resto dell’intervista:

La redazione
La redazione

leggi tutto