Notizie dal mondo

Notizie dal futuro e dintorni – 11 marzo

11 marzo 2019 | Scritto da La redazione

Le notizie più importanti su tecnologie e futuro, selezionate dal team di Impactscool

L’auto a guida autonoma che evita incidenti

Numerosi incidenti stradali sono causati da sonnolenza e stato di ebrezza. Ora, però, arriva l’auto a guida autonoma in grado di salvare i passeggeri, conducendoli a destinazione. Il nuovo progetto, realizzato da un team del Swedish National Road and Transport Research Institute, prevede l’applicazione di sensori che rilevano l’incapacità del conducente a guidare il veicolo. In caso di sonnolenza o di stato di ebrezza si attiva una funzione integrata dell’automobile che aiuta i passeggeri a raggiungere la destinazione desiderata senza incorrere in incidenti.

 

Lo smartphone può “leggere la mano”

Huawei introduce una funzione per l’autenticazione attraverso il sistema venoso. Addio al lettore di impronte digitali, il nuovo smartphone G8 è il primo a “leggere la mano”.
Questa nuova funzione si chiama Hand ID, identifica il proprietario del dispositivo attraverso il riconoscimento delle caratteristiche uniche delle vene delle mani: forma e spessore.

 

Anche la Cina punta su Marte

La corsa allo spazio è più aperta che mai e anche la Cina punta forte su Marte. Dopo aver raggiunto la Luna nel 2013 e aver studiato il lato nascosto del nostro satellite, il prossimo obiettivo è il Pianeta Rosso.
Nella provincia di Qinghai è stata inaugurata la prima base cinese di simulazione di Marte e il prossimo anno è in programma l’invio di una sonda.

 

I cambiamenti climatici potrebbero avere effetti sulla natalità

Abbiamo parlato spesso delle conseguenze dei cambiamenti climatici, ma forse non avevamo mai considerato che potrebbero avere effetti anche sulle tendenze demografiche.
Stando ai risultati di un sondaggio condotto da Business Insider, per il 37% degli intervistati di età compresa tra i 18 ei 29 i cambiamenti climatici sarebbero infatti un fattore da considerare per la pianificazione familiare.

 

Nuovo metodo per la diagnosi precoce della malattia di Parkinson

Grazie a sensori indossabili e tecnologie di Intelligenza Artificiale, potrebbe essere possibile individuare l’insorgere della malattia di Parkinson fino a 5-7 anni prima di quanto avvenga adesso.
Arriva dal lavoro di uno studio dei ricercatori dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna un nuovo metodo non invasivo per la diagnosi precoce della malattia di Parkinson.

 

Le macchine possono riconoscere le emozioni umane

Sempre più aziende stanno lavorando allo sviluppo di tecnologie in grado di riconoscere le emozioni degli individui a partire dalle loro espressioni.
La tecnologia, che unisce la computer vision all’intelligenza artificiale, potrebbe essere applicata anche nel processo di selezione anche se, a oggi, non sembrano ancora così affidabili.

La redazione
La redazione

leggi tutto