20 minuti dal futuro

Il rinoceronte grigio del Covid-19

2 giugno 2020 | Scritto da La redazione

Alcune sfide che ci si pongono davanti sono tanto drammatiche e importanti quanto sottovalutate e ignorate. Vengono chiamate “gray rhino”, rinoceronti grigi e ne abbiamo parlato con la scrittrice Michele Wucker in una puntata di 20 minuti dal futuro

Nel 2014 Bill Gates durante un suo Ted Talk disse che l’umanità non è pronta per la prossima grande epidemia. Andiamo avanti nel tempo fino a oggi, 2020, e ci troviamo nel mezzo della più grande pandemica degli ultimi decenni, forse del secolo. Sapevamo da tempo che il rischio di un’epidemia con caratteri pandemici fosse probabile e inevitabile, eppure non abbiamo fatto niente per prepararci. Perché?
È un eclatante caso di Gray Rhino, un rinoceronte grigio, un rischio noto a tutti e palese contro cui non si fa nulla. Abbiamo approfondito l’argomento in una nuova puntata di “20 minuti dal futuro” con Michele Wucker, autrice del libro intitolato proprio “The Gray Rhino”. A intervistarla, Cristina Pozzi, CEO di Impactscool.

 

Rinoceronti e cigni. “Durante la crisi finanziaria del 2008 – spiega Michele Wucker – venne pubblicato un libro riguardante i cigni neri. L’idea era che tutti conoscono i cigni bianchi e quindi non riescono a immaginarsi un cigno nero. Ma che esistono. La metafora sta a indicare che nel mondo esistono cose e avvenimenti che non si riesce nemmeno a immaginare e che appaiono dal nulla per colpirci dal lato scoperto. Bisogna essere consapevoli che qualcosa che non si può predire potrebbe essere un problema”. Raccontando di come Argentina e Grecia abbiano affrontato una crisi finanziaria simile in due modi completamente diversi, Wucker spiega di come le sia venuta in mente l’idea di una nuova metafora, quella del rinoceronte grigio, “il rinoceronte grigio è qualcosa che viene verso di te per cui si può fare qualcosa, e in generale, infatti, le persone ne parlano ma poi non si agisce. Per quanto riguarda la pandemia abbiamo avuto tantissimi avvisi,[…] fra organizzazioni mondiali, Bill Gates, tutti ignorati. E poi quando è avvenuto davvero, prima in Cina, poi in Italia e infine negli States. [..] Abbiamo visto questo rinoceronte grigio venirci addosso, da lontano, poi da vicino, e abbiamo perso ogni opportunità di gestire il suo arrivo”.

 

Guarda il resto dell’intervista:

La redazione
La redazione

leggi tutto