Future Society

Amazon: controlli e licenziamenti automatici dei dipendenti “poco efficienti”

1 maggio 2019 | Scritto da La redazione

Il colosso dell’e-commerce utilizza un software che in maniera automatica controlla i dipendenti ed eventualmente licenzia quelli che non raggiungono determinati standard.

Il sistema di smistamento dei pacchi di Amazon prevede enormi magazzini dove centinaia di lavoratori manualmente impacchettano, tracciano e gestiscono gli ordini. Un lavoro che più volte ha raggiunto la cronaca per le supposte condizioni di lavoro estenuanti, con pause troppo brevi e standard di produttività troppo elevati. Nuove indiscrezioni hanno mostrato come i lavoratori dei magazzini siano controllati da un sistema automatico.

Il sistema li avverte se non soddisfano gli standard produttivi, secondo un articolo di Vox variabile fra i 240 e i 400 pacchi per ora gestiti per ciascun lavoratore, arrivando addirittura al licenziamento in tronco in caso di ripetute infrazioni degli standard. Il tutto sarebbe gestito in autonomia dal software, portando gli impiegati a sentirsi solo dei numeri e trattati alla stregua di robot. Il sistema arriverebbe a tracciare il cosiddetto “TOT”, time off task, il tempo in cui gli impiegati non producono, pause per il bagno in primo luogo, un indice che se non soddisfatto per troppe volte potrebbe portare al licenziamento.

Secondo Amazon il sistema automatico è comunque supervisionato da umani e gli standard produttivi sono impostati secondo l’andamento del mercato e della produttività complessiva dei lavoratori: quando il 75% di questi raggiunge lo standard sarebbe possibile variarlo. Il 5% meno produttivo invece viene inserito in un piano di training. Il licenziamento comunque, sempre secondo il colosso dell’e-commerce, sarebbe sempre appellabile.

L’uso di sistemi automatici per gestire la relazione fra dipendenti e datori di lavoro è un tema delicato che se da un lato permette di organizzare un’enorme mole di lavoratori dall’altro porta ad una pericolosa spersonalizzazione dei rapporti sul luogo di lavoro.

 

Leggi la news: https://bit.ly/2VqH6af

 

La redazione
La redazione

leggi tutto