Notizie dal mondo

Le notizie della settimana scelte da Impactscool – 1 ottobre

1 ottobre 2018 | Scritto da La redazione

Il primo comandante italiano della ISS, il nuovo visore VR di Facebook e il machine learning per predire le probabilità di risveglio dal coma: le notizie più importanti su tecnologie e futuro, scelte e selezionate dal web per i lettori di Impactscool.

Luca Parmitano primo comandante italiano della ISS

È pronto a ripartire per lo spazio Luca Parmitano, che ha svelato a Frascati, nella sede dell’Esa-Esrin, il nome e il logo della sua prossima missione, in programma nel 2019. Beyond durerà circa 200 giorni e rappresenta la seconda missione dell’astronauta italiano dell’Agenzia spaziale europea con l’Expedition 60/61. Nella seconda parte della missione, Parmitano ricoprirà anche la carica di comandante della Stazione Spaziale Internazionale, ISS, e diventerà quindi il primo astronauta italiano a ricoprire questo ruolo di prestigio. Non si tratta dell’unico primato di Parmitano: nel 2013, infatti, fu il primo italiano a passeggiare nello spazio. Le ricerche del 42enne siciliano e dei suoi colleghi, Andrew Morgan della Nasa e Alexander Skvortsov di Roscosmosdi, contribuiranno a migliorare l’esplorazione umana e robotica delle superfici lunari e marziane.

 

Oculus Quest, il nuovo visore di VR di Facebook

Dalle parti di Menlo Park si continua a investire nella realtà virtuale. Facebook, infatti, ha presentato Oculus Quest, il suo nuovo visore per la realtà virtuale. Il dispositivo si posiziona esattamente a metà strada tra i visori già in commercio, superando però alcune funzionalità di Oculus Go, sul mercato solo da pochi mesi. In particolare, Oculus Quest, senza l’ausilio di dispositivi aggiuntivi come smartphone o pc, permetterà agli utenti di immergersi a 360° nella realtà virtuale e di muoversi liberamente nello spazio circostante: grazie a un sistema di camere e sensori Oculus Quest sarà in grado di replicare nella VR i movimenti effettuati nel mondo reale. Il prezzo iniziale previsto è di circa 400 dollari e il prodotto dovrebbe arrivare sul mercato intorno alla primavera 2019. La realtà virtuale sta crescendo in modo esponenziali e le sue applicazioni stanno toccando diversi settori, dalla medicina alla formazione. Ma con un mondo virtuale così, avremo ancora voglia di vivere il mondo reale?

 

Il machine learning per calcolare le probabilità di risveglio dal coma

Un gruppo di neuroscienziati cinesi dell’Accademia delle Scienze cinese sta sviluppando uno strumento per aiutare i medici a capire le probabilità di risveglio dei i pazienti in coma: usando il machine learning, infatti, i dati dei pazienti possono essere analizzati più velocemente e con un grado maggiore di accuratezza rispetto alle analisi dei medici. Sviluppato dopo 8 anni di ricerche, l’algoritmo su cui si basa questo strumento si è dimostrato corretto nel 90% dei casi in cui è stato utilizzato: se applicato, in futuro diventerà un grande aiuto per il personale medico che deve decidere il trattamento più giusto per i pazienti in coma. Gli stessi ricercatori hanno comunque specificato che questo strumento non potrà mai sostituire la valutazione di un medico umano: “È solo uno strumento per aiutare i medici e le famiglie a prendere decisioni migliori”.

La redazione
La redazione

leggi tutto