Video Notizie

Perché non lanciamo la spazzatura nel Sole

28 novembre 2019 | Scritto da La redazione

Potrebbe essere una rapida soluzione al problema dell’inquinamento, se solo fosse realistica

Ogni anno l’umanità produce oltre 1 miliardo di tonnellate di spazzatura. Una quantità che è difficile razionalizzare ma che porta aree sempre più grandi a venire utilizzate come discariche. Un problema reale a cui si stanno cercando soluzioni, alcune realistiche e concrete, altre meno. Ad esempio, una di queste, è quella di inviare tutti i rifiuti nello spazio o nel Sole, sarebbe una soluzione efficace, se solo fosse possibile.

 

Un Sole irraggiungibile. Il nostro Sole si trova a 150 milioni di km dalla Terra, una distanza enorme se paragonata a quella a cui ci spingiamo di solito con le missioni spaziali, ovvero l’orbita terrestre – appena 400 km – o la Luna – 340mila km -, altre sonde si sono spinte più lontano, molto più lontano, come le Voyager che recentemente sono uscite dal Sistema Solare, arrivando a una distanza di 21mila miliardi di km. Ma le sonde Voyager sono partite più di 40 anni fa e pesano solo 800 kg. Infatti, tutto si riduce a una questione di peso e di tempo.

 

Troppi razzi. Se volessimo inviare i miliardi di tonnellate che si trovano sul nostro pianeta avremmo bisogno di una quantità spropositata di razzi, il cui carico massimo, che varia a seconda del razzo, si aggira comunque sull’ordine delle tonnellate. Non solo, ammesso che riuscissimo a produrre milioni su milioni di razzi su scala globale, rifornirli e gestire la logistica dei lanci, impiegheremmo anni a lanciarli, e nel frattempo avremmo prodotto altra spazzatura. Si tratta insomma di un ciclo insostenibile, oltre che irrealistico.
Per ridurre l’inquinamento sul nostro pianeta l’unica soluzione è lavorare a monte, producendo meno scarti e meno spazzatura e trovando modi sempre più efficaci di smaltire o riciclare.

La redazione
La redazione

leggi tutto