I nostri eventi

Futureland, dove gli innovatori incontrano le tecnologie emergenti

23 novembre 2018 | Scritto da La redazione

Durante l’evento, a cui ha partecipato anche il team di Impactscool, è intervenuto il Ministro Di Maio che ha parlato di sviluppo tecnologico

Due giornate di conferenze, workshop, dibattiti e incontri, con oltre 1.500 presenze. Si è svolto il 15 e 16 novembre nella sede di Talent Garden Calabiana a Milano, Futureland, evento internazionale dedicato a tecnologie e innovazione a cui ha partecipato anche il team di Impactscool. L’edizione 2018 si è focalizzata in particolare su tre tecnologie emergenti, in grado di modificare processi produttivi e fortemente impattanti sulla nostra società: intelligenza artificiale, blockchain e tecnologie immersive (come realtà virtuale e aumentata).

 

L’intervento del Ministro Di Maio

Tra gli ospiti della giornata conclusiva anche il Ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico Luigi Di Maio che prima, accerchiato da un gran numero di giornalisti, ha visitato gli stand degli espositori, tra cui quello di Impactscool, e in seguito è intervento sul palco, intervistato dal fondatore di TheFab Lab Make it Real Massimo Temporelli. “Sicuramente non ci sarà lavoro senza sviluppo economico – ha detto Di Maio – ed è per questo che abbiamo deciso di unire i due ministeri. Se riusciamo a legare la tecnologia alla produttività delle aziende, non dobbiamo avere nessuna paura di perdere posti di lavoro: alcuni si trasformeranno ma se aumenta la produttività delle aziende aumenteranno anche i posti di lavoro. Ci stiamo accorgendo della velocità con cui si stanno trasformando le professioni: tra la rivoluzione agricola e quella industriale sono passati 10mila anni, tra quella industriale e quella tecnologica c’è poco più di un secolo. Questo processo di trasformazione, così veloce, richiede necessariamente una regia dello Stato. Abbiamo vissuto negli anni ’60 un boom economico legato agli investimenti in autostrade, ponti e ferrovie, adesso, invece, dobbiamo investire nelle autostrade del futuro, quelle digitali: il 5G e la banda ultra larga. Queste tecnologie “abilitanti” consentiranno lo sviluppo di intelligenza artificiale, blockchain, realtà aumentata e virtuale. Come Ministro allo Sviluppo economico sto portando avanti una serie di interventi su queste tecnologie per riuscire a creare più opportunità come Ministro del Lavoro”.

Stuzzicato da Temporelli, Di Maio ha poi chiarito che la manovra di bilancio e i principali provvedimenti voluti dal suo governo, reddito di cittadinanza e pensioni a “quota 100”, non riguardano solo le fasce più bisognose ma anche il mondo imprenditoriale: “Alla base della manovra di bilancio – ha spiegato – c’è il tema dell’innovazione. Anticipare i pensionamenti consentirà a molte aziende e alla pubblica amministrazione di cambiare le mansioni dei nuovi assunti. Inserire nel mondo del lavoro le nuove generazioni ci consentirà di trasformare alcuni settori che oggi sono obsoleti. L’altro aspetto è la formazione: il centro per l’impiego non va più immaginato come un luogo fisico ma come l’incrocio tra domanda e offerta di lavoro. Per questo motivo le pensioni a “quota 100” e il reddito di cittadinanza sono misure che ci permetteranno di rigenerare la forza lavoro italiana, di crearne di nuova e di poterla formare continuamente”.

Per quanto riguarda invece gli investimenti strategici Di Maio ha assicurato che “avremo un fondo di 45 milioni di Euro del MISE con cui potremo avviare dei progetti sperimentali di blockchain. Vogliamo lanciare una filiera che ci possa aiutare nella lotta alla contraffazione del Made in Itay, grazie alla tracciabilità. Per questo avvieremo un progetto, che potrebbe partire dal settore tessile, per poi introdurre la blockchain a pieno regime. Per la blockchain, ma anche per l’intelligenza artificiale – ha proseguito il Ministro – è in corso una Call for Expert del MISE. Selezioneremo i candidati per creare queste commissioni con l’obiettivo di formare i due piani nazionali dei due settori. Dall’altra vogliamo soffermarci sui temi etici dell’intelligenza artificiale e creare una maggiore informazione: se non facciamo capire alle nuove generazioni, ma anche ai meno giovani, che cos’è l’intelligenza artificiale e come questa e altre tecnologie possano essere utilizzate, quello attorno a questi temi resterà sempre un dibattito di “nicchia” e che non porterà a niente”.

 

Impactscool a Futureland

Anche Impactscool ha partecipato a Futureland: presente entrambi i giorni a Milano, il team ha presentato le sue attività e la sua mission ai visitatori dell’evento e proposto un esercizio dedicato al futuro del lavoro, dai cui sarà pubblicato un breve studio. Inoltre, Cristina Pozzi e Andrea Geremicca figuravano tra gli speaker e hanno partecipato a conferenze e momenti di confronto.
Inoltre, Cristina Pozzi, Ceo e Co-founder di Impactscool, è salita sul palco principale di Futureland subito prima del Ministro Di Maio. Nel suo intervento, dal titolo provocatorio “Human vs Machine”, Cristina si è soffermata sull’importanza di una collaborazione uomo-macchina, fondamentale per migliorare la società.

“Spesso – ha spiegato Cristina – siamo stati portati a vedere una contrapposizione tra l’uomo e l’intelligenza artificiale. Ma è l’approccio corretto? Dobbiamo sempre tenere a mente che l’intelligenza artificiale è uno strumento, creato dall’uomo con l’obiettivo di aiutarlo, non di combatterlo. Dobbiamo cambiare il modo in cui guardiamo all’intelligenza artificiale: solo così potremo migliorare la nostra società e costruire il futuro che vogliamo vedere. Il mondo sta cambiando molto velocemente e l’IA è uno degli strumenti che stanno favorendo questo cambiamento: sì, forse dobbiamo essere in grado di adattarci a questi cambiamenti, ma dobbiamo farlo con saggezza e considerando anche gli impatti etici e sociali dello sviluppo di questa tecnologia per ottenerne i migliori impatti possibili”.

Live from #FuturelandCristina Pozzi talks about a new story of men and machines.

Pubblicato da Impactscool su Venerdì 16 novembre 2018

La redazione
La redazione

leggi tutto